Sposarsi con stile: Cappello vs. Velo - Giovanna Prosapio
17896
single,single-post,postid-17896,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Sposarsi con stile: Cappello vs. Velo

giovanna-prosapio

Sposarsi con stile: Cappello vs. Velo

È arrivato il momento di scegliere il tuo abito da sposa! Velo o cappello?
Ecco alcuni consigli per te e per le tue invitate, su come scegliere il modello e cosa dice l’etichetta a riguardo!

 

Il cappello per le spose

giovanna-prosapio

 

Molte spose nel momento della scelta dell’abito vengono letteralmente colpite dai modelli che includono i cappelli al posto del velo. Quelle più tradizionaliste o al contrario trasgressive, puntano al cappello per distinguersi e dimostrare personalità indossando un accessorio non consueto per un matrimonio, ma sicuramente super glamour!
I modelli a cui ispirarci sono certamente quelli dei reali britannici, che negli anni hanno fatto scuola, specie per quanto riguarda gli abbinamenti e gli outfit degli invitati.
Vediamo qualche semplice regola!

Cosa dice l’etichetta

giovanna-prosapio

Quando si sceglie il capello al posto del velo si chiama in causa l’etichetta. Pare che si possa indossare soltanto se la cerimonia avviene di mattina, mentre se è nel pomeriggio o alla sera, sono permessi solamente cappelli di ridotte dimensioni, che possono essere levati all’occorrenza, una volta finito il rito in chiesa o in comune.
Gli invitati possono indossare il cappello soltanto nel caso in cui sia la sposa o sua madre a farlo, quindi puoi fin da ora informarli.
Per le invitate il capello non deve essere per forza del tutto in tinta con il vestito, mentre è al contrario per le damigelle, che possono tenerlo anche durante il ricevimento. Di solito il capello con veletta è destinato alle madri degli sposi, mentre gli altri modelli, anche a tesa larga, vanno bene per uno stile più fresco e decisamente glamour.

 

I modelli per i cappelli da sposa più chic

 

giovanna-prosapio

Il cappello delle spose deve essere chic e rigorosamente abbinato all’abito, quanto al colore e al tipo di tessuto.
Per un matrimonio tradizionale, dallo stile vintage o shabby, ci sono i cappelli da sposa a cuffietta, impreziositi da applicazioni con pietre e fiori in organza. Ricordano lo stile anni ’20 e sono deliziosi.
Se il cappello deve sostituire il velo per il tuo matrimonio puoi optare per il modello a tesa larga, anche a più strati, magari di velo che possano dolcemente cadere sulle spalle in modo morbido ed estremamente elegante.

 

 

 

 

 

 

 

 

giovanna-prosapio

Un modello classico è il capello a cilindro ribassato con veletta, da abbinare a un abito corto, stretto o a campana, in stile anni ’60 e che può andar bene anche per un matrimonio nel pomeriggio-sera.
Lo stesso capello può avere uno stile minimal oppure essere arricchito con applicazioni floreali in tulle, con piume, applicazioni gioiello e sempre in coordinato con l’abito.

Se vuoi indossare un capello particolare e di dimensioni molto piccole, puoi anche scegliere quello da fissare con un cerchietto, che ti permetterà di sfoggiare creazioni fashion ricercate e mai troppo eccentriche.

 

 

 

 

 

 

giovanna-prosapio

È importante, infatti, non esagerare in quanto il confine tra eleganza ed esagerazione nello stile potrebbe portare un certo disagio.
Il capello al posto del velo dovrai portarlo con sicurezza, perché valorizzi il tuo abito. Le sue decorazioni possono anche essere pompose se l’abito lo permette, oppure romantiche se si tratta di colori pastello.

 

Siete pronte a scegliere il vostro look perfetto?

No Comments

Post A Comment